Seleziona una pagina

Molto spesso, una delle problematiche più comuni dei proprietari è proprio il richiamo, di non esser sicuri di riuscire a richiamare il proprio cane. Il richiamo mancato diventa spesso, quindi, la problematica principale per la quale i cani rimangono sempre legati al guinzaglio o confinati in giardino.

Ma perchè è cosi importante essere sicuri del richiamo del proprio cane ?

richiamo

Per vari motivi:

1-La sicurezza. Un cane che non risponde al richiamo quando lo lasciamo libero in spazi aperti, si trasforma velocemente in un possibile problema per se e per gli altri, potendo causare anche dei danni gravi dei quali noi saremo responsabili. Quello che molti proprietari non sanno è che per legge la custodia corretta è una responsabilità specifica dei proprietari che verranno chiamati a risarcire di danni eventualmente causati dal proprio animale durante la fuga.

2-Il richiamo è un indice molto diretto del rapporto cane- proprietario . Cosa significa questo ? Significa che un cane, libero da recinti e confini fisici, se decide di allontanarsi da noi e non ritornare , ci sta comunicando chiaramente la propria volontà di affermazione e la propria posizione sociale in famiglia.

E’ giusto che il nostro cane abbia tutta la possibile libertà, poichè la necessità di correre, di sfogare le proprie energie deve essere sempre garantito in modo che la bilancia di quello che noi chiediamo e quello che pretendiamo da lui sia sempre in equilibrio.

Purtroppo capita spesso che proprietari che si sentono insicuri su questo argomento , preferiscano non rischiare e che quindi portino il cane a guinzaglio solo e che eventualmente lo lascino libero solo nel proprio giardino di casa.

Questo comportamento, però purtroppo non fa altro che peggiorare la situazione, poichè la frustrazione di non poter correre libero, lo porterà ad un livello di eccitazione tale al momento in cui lo lasciamo libero che sicuramente non lo farà tornare al nostro richiamo.

Come possiamo quindi insegnare il richiamo al nostro cane ?

richiamo

Proprio per rispondere ed insegnarti passo passo come fare , ho creato questi quattro video che vedi in questo sito e che ti arrivano comodamente in mail, nei quali ti guiderò all’insegnamento del richiamo, con metodologie positive e nel pieno rispetto del tuo cane.

Tre cose da non fare assolutamente se vuoi che il tuo cane ritorni al richiamo:

1- Quando liberi il tuo cane, fallo in sicurezza se non ti senti sicuro, in aree recintate o in posti non vicini a strade . Cerca di non far sbagliare il tuo cane ed evita che possa avere distrazioni forti che lo possano confondere.

2-Appena liberi il tuo cane, preso dall’ansia, non iniziare a richiamarlo subito. Il tuo cane ha bisogno di esplorare, annusare, correre , rotolarsi, prendere confidenza con il posto . Aspetta che sia lui a venire da te e premialo senza dirgli niente, associa la tua presenza ad un qualcosa di positivo.

3- Se chiami il tuo cane e lui non ti risponde e se ne trotterella via camminando, la peggior cosa che tu possa fare è quella di corrergli dietro e chiamarlo. Ciò che otterrai purtroppo sarà semplicemente che lui corra ancora più lontano.

Anche se ti riesce difficile e a meno che non ci sia un pericolo imminente, girati ed allontanati nella direzione opposta , quando lui si deciderà ad arrivare da te premialo generosamente.

4- Non sgridare mai il tuo cane per non essere venuto subito al richiamo quando finalmente si è avvicinato a te. E’ uno degli errori più comuni che si fanno presi dalla rabbia e dall’ansia . Il cane però vive nel presente ed associa il fatto ultimo successo, ossia quello d’esser tornato e di aver ricevuto la sgridata.

 

 

Share This